salario minimo
Al termine del tavolo tecnico al ministero, così la segretaria confederale: "Ci siamo impegnati a formulare i nostri emendamenti"
06 maggio 2019
Incontro tra governo e sindacati a Roma sulla proposta dei Cinque stelle, che stabilisce una paga oraria (nove euro lordi). Per Cgil, Cisl e Uil, invece, occorre attribuire valore legale ai trattamenti economici già previsti dai contratti nazionali
06 maggio 2019
di Stefano Iucci
foto di Ben_Kerckx, pixabay.com
In Italia i contratti collettivi nazionali offrono una copertura che arriva al 90 per cento. Le cause del lavoro povero sono altre: precarietà, part-time obbligatori, contratti pirata e illegalità. Un'inchiesta di Rassegna e RadioArticolo1
02 aprile 2019
Il tavolo al ministero del Lavoro (foto di Marco Merlini)
Al via a Roma il negoziato. Scacchetti (Cgil) al termine della riunione : "È stata espressa la volontà di costruire, con le parti sociali, un provvedimento che valorizzi il contratto nazionale, senza depotenziarlo". Il nodo del ddl 658
20 marzo 2019
Incontro governo-sindacati a Roma sulla proposta del M5S di introdurre una paga oraria stabilita per legge. Per Cgil, Cisl e Uil la misura potrebbe favorire "la fuoriuscita dai ccnl, rivelandosi uno strumento per abbassare retribuzioni e tutela"
20 marzo 2019
landini furlan barbagallo
Incontro a Roma tra esecutivo e confederazioni, senza un preciso ordine del giorno. Cgil, Cisl e Uil propongono i temi della propria piattaforma: lavoro, fisco, previdenza, sviluppo. Landini: "Ci auguriamo sia l'inizio di una fase nuova di rapporti"
13 marzo 2019
Tronti a RadioArticolo1: "I salari reali sono fermi a trent'anni fa. Flessibilizzazione del lavoro e precarizzazione dei lavoratori hanno contribuito alla bassa crescita delle retribuzioni. Più che il salario minimo, serve una legge sulla rappresentanza"
15 febbraio 2019
di Salvo Leonardi
Il pericolo è che i datori di lavoro possano non avere più alcun interesse a stipulare i contratti nazionali e scegliere soglie legalizzate più basse. Non a caso non esiste in altri Paesi come Svezia, Danimarca, Finlandia e Austria
13 febbraio 2019
di Elena Marisol Brandolini
La crescita del 22,3%, contenuta nella Finanziaria 2019, è criticata da imprese e Fmi. Lezcano López (Ccoo): “Contribuisce all’aumento delle entrate a favore della sicurezza sociale e quindi alla tenuta del sistema pubblico previdenziale”
24 ottobre 2018
di Andrea Garnero, Eticaeconomia
Può essere un utile strumento per assicurare un “valore” minimo al lavoro e per ridurre le disuguaglianze prima dell’intervento pubblico, però deve essere accompagnato da forme di sostegno al reddito e calibrato con il sistema di tassazione
31 luglio 2018

X «

#tickEnd-tickBegin#