bekaert
A due mesi dalla scadenza della cassa integrazione per i 211 lavoratori, due sole proposte, di cui una frutto di un'iniziativa di alcuni lavoratori. Re David (Fiom): rifinanziare gli ammortizzatori sociali e ritirare i licenziamenti
31 ottobre 2019
"Al ministero chiediamo impegni concreti sugli ammortizzatori sociali – spiegano Fiom e Fim di Firenze – e la verifica della solidità dei soggetti che presenteranno un piano industriale per la riorganizzazione dello stabilimento di Figline Valdarno"
31 ottobre 2019
Calosi-Beccastrini (Fiom-Fim Firenze): "Al Mise chiederemo poche cose, ma fondamentali per i lavoratori, sulla proroga degli ammortizzatori e la verifica della solidità dei soggetti che presenteranno un piano industriale per riorganizzare lo stabilimento"
30 ottobre 2019
bekaert
Calosi (Fiom Firenze): “È l'ennesimo atto di arroganza padronale della multinazionale. Chiediamo il ritiro della procedura e la proroga della Cig per cessazione di attività. Lavoratori, territorio e istituzioni non possono accettare l'ennesimo ricatto"
11 ottobre 2019
Le vertenze del territorio, lo stato di salute dei vari settori, gli effetti del Decreto Dignità, le prossime mobilitazioni: la Fiom Cgil fa il punto
09 agosto 2019
bekaert
Sono due le imprese (una italiana, una bielorussa) interessate a rilevare l'impianto di Figline Valdarno, entrambe riassumerebbero solo 90 addetti su 224. Fiom: "Non siamo soddisfatti del confronto. La soluzione deve salvaguardare tutti i lavoratori"
17 luglio 2019
di Simona Caleo (foto e testi)
Filippo, Daniele, Davide, Lorenzo, Paolo e Massimo: dopo anni di lavoro si finisce per sentire l'azienda un po' nostra e si vive il licenziamento come la perdita di un pezzo di casa. Ora crediamo nella reindustrializzazione, senza che nessuno ci rimetta
17 luglio 2019
bekaert
Nuovo incontro al Mise a tre mesi e mezzo dall'ultimo. Mentre si avvicina la scadenza della cassa integrazione, il futuro degli oltre 200 lavoratori dell'azienda di Figline Valdarno resta nell'incertezza più totale. Calosi (Fiom): "Ora vogliamo certezze"
17 luglio 2019
Calosi (Fiom Firenze): “La giustizia dà ragione a noi e ai lavoratori, condannando la multinazionale per atteggiamento antisindacale. Le spese legali sono compensate dal pagamento delle indennità. Ora andiamo avanti per la reindustrializzazione del sito"
15 maggio 2019
52 dipendenti hanno costituito un comitato promotore per prendere in mano la situazione e riaprire gli stabilimenti di Figline e Incisa. Ora tocca a Legacoop Toscana valutare la fattibilità del progetto. Fiom: “Lanciano il cuore oltre l’ostacolo”
03 maggio 2019

X «

#tickEnd-tickBegin#