Camusso e Landini (foto Marco Merlini)Camusso e Landini (foto Marco Merlini)

Camusso e Landini (foto Marco Merlini) (1/9)

Susanna Camusso (foto Marco Merlini)Susanna Camusso (foto Marco Merlini)

Susanna Camusso (foto Marco Merlini) (2/9)

Susanna Camusso (foto Marco Merlini)Susanna Camusso (foto Marco Merlini)

Susanna Camusso (foto Marco Merlini) (3/9)

Susanna Camusso (foto Simona Caleo)Susanna Camusso (foto Simona Caleo)

Susanna Camusso (foto Simona Caleo) (4/9)

Susanna Camusso (foto Simona Caleo)Susanna Camusso (foto Simona Caleo)

Susanna Camusso (foto Simona Caleo) (5/9)

Maurizio Landini (foto di Marco Merlini)Maurizio Landini (foto di Marco Merlini)

Maurizio Landini (foto di Marco Merlini) (6/9)

Maurizio Landini (foto di Marco Merlini)Maurizio Landini (foto di Marco Merlini)

Maurizio Landini (foto di Marco Merlini) (7/9)

Maurizio Landini (foto di Marco Merlini)Maurizio Landini (foto di Marco Merlini)

Maurizio Landini (foto di Marco Merlini) (8/9)

Maurizio Landini (foto di Simona Caleo)Maurizio Landini (foto di Simona Caleo)

Maurizio Landini (foto di Simona Caleo) (9/9)

  • Print Friendly and PDF
Il giorno della protesta contro il taglio di 3.255 addetti, con il presidio a Roma sotto Montecitorio. Il racconto di cinque lavoratori: Massimo, Stella, Danila, Pamela e Carmela. "Lo Stato dovrebbe creare posti di lavoro, non toglierli"
X «