taranto
Landini: “Bene ripresa trattativa. Ognuno faccia la sua parte, ritirare ricorso al Tar”
07 dicembre 2017
Stop dei 2 mila addetti e presìdi in Puglia e Basilicata. Sono 154 i dipendenti rientrati per ordine del giudice, ma l'azienda di mobili imbottiti ne espelle altrettanti. Fillea: "Non si possono far ricadere sui lavoratori le giuste sentenze dei tribunali
07 dicembre 2017
di Massimiliano Martucci
Da una parte, il governo centrale che sposta a sei anni il raggiungimento dell’Aia. Dall'altra, Comune e Regione Puglia che fanno ricorso. Così la prosecuzione del confronto sindacale, già complicato, diventa difficilmente percorribile
30 novembre 2017
Landini: la strada da seguire è il confronto. Proseguano sia la trattativa con Arcelor Mittal, sia il tavolo sull’Accordo di programma di Genova che quello territoriale in Puglia sulla questione ambientale. Fiom: inopportuna la mossa di Emiliano
29 novembre 2017
Presentazione a Roma degli investimenti 2018-2024 stabiliti dall'acquirente Am Investco. La Fiom Cgil di Taranto chiede un "tavolo nazionale" per affrontare la questione delle bonifiche dell'amianto. Giovedì 16 nuovo incontro con Regioni ed enti locali
14 novembre 2017
di Massimiliano Martucci
Passi avanti nel negoziato, ma per la Camera del lavoro di Taranto “gli abitanti dei Tamburi, di Paolo VI o Statte così come tutti i cittadini del capoluogo ionico, pesano nella discussione esattamente quanto gli operai". Fiom: le scelte vanno condivise
31 ottobre 2017
di Massimiliano Martucci
Viaggio tra gli addetti del colosso siderurgico di Taranto. Tra rabbia e speranza, sfiducia nella "politica" e angoscia per il proprio futuro (soprattutto per i lavoratori dell'indotto), emerge un racconto collettivo che segna la fine di un'epoca
12 ottobre 2017
Braccia incrociate a Taranto, Genova e Novi Ligure nel giorno dell'incontro al Mise con Am Investco Italy che ha annunciato un piano da 4 mila esuberi. Re David (Fiom): "A queste condizioni non ci sono margini di trattativa". È allarme anche per l'indotto
09 ottobre 2017
In manette due persone, un imprenditore e un mediatore: accusati di sfruttare 35 braccianti per 17 ore lavorative, con paga anche di un euro al giorno. Cgil: "Una risposta a chi continua a negare l'emergenza, che dimostra l'utilità della legge 199"
04 ottobre 2017

#tickEnd-tickBegin#