pil
Roberto Romano a RadioArticolo1: "La logica degli incentivi del governo è assai squilibrata. Entra in gioco anche l'arretratezza del sistema imprenditoriale". Sanna (Cgil): con questo passo impossibile recuperare l'occupazione perduta
10 novembre 2017
Fracassi: “Italia ultima in Ue per crescita, al terzo posto per livello disoccupazione. Serve cambiamento politica economica”
09 novembre 2017
Sgalla (Cgil Umbria): "A questo punto, un 'caso Umbria' è innegabile. I dati della Banca d'Italia, riportati dal Sole 24 Ore, ribadiscono il tracollo della nostra regione. Ora è necessario aprire gli occhi e reagire"
03 novembre 2017
Turni di pulizie ridotti, disagi nei reparti, lavoro sempre più precarizzato. Cammuca (Fp Cgil): “Vigileremo per controllare che l'emergenza igiene rientri”
11 ottobre 2017
"Nel rinnovo del contratto, oltre al superamento del blocco salariale, vi sono anche scelte a favore del Servizio sanitario nazionale, la cui salvaguardia è una battaglia che riguarda tutti"
26 settembre 2017
Balzarini (Cgil): "La crescita del Pil è inferiore al dato nazionale e nonostante il miglioramento si trova ancora 6 punti sotto il livello del 2007, a conferma che la crisi ha causato danni non ancora recuperati". Cresce a dismisura il part-time
25 luglio 2017
“L'Italia non è in ripresa. Anzi, la crescita continua ad attestarsi attorno allo zero-virgola senza soluzione di continuità dal 2013, materializzando il rischio di stagnazione. Impietoso confronto con gli altri Stati europei, dopo di noi solo la Grecia"
16 maggio 2017
Fracassi: "Non è con un decimale in più o in meno che si ritrova la via giusta. La crisi continua a gravare fortemente sul piano sociale, occupazionale e produttivo"
14 febbraio 2017
Fammoni a RadioArticolo1: "Una scossa alla nostra economia la può dare solo una fase importante di crescita degli investimenti, a cominciare da quelli pubblici, finalizzati allo sviluppo e all'aumento di posti di lavoro, come noi ripetiamo da molto tempo"
13 ottobre 2016
Lo rivela lo studio “Lavoro e capitale negli anni della crisi”, realizzato dalla Fondazione Di Vittorio Cgil. Un declino da attribuire non alle dinamiche retributive, ma alla riduzione di investimenti, ricerca e innovazione
08 ottobre 2016
di Sergio Ferrari
L’esigenza di una strategia che sappia correggere il nostro declino resta una questione aperta, fino a quando non si avrà la capacità di mettere in discussione le basi pseudo-culturali liberiste e la concezione finanziaria della qualità dello sviluppo
04 ottobre 2016
di Roberto Romano
Senza un’adeguata diagnosi della crisi nella crisi dell’Italia, il Pil nazionale rimarrà strutturalmente diverso – non solo più basso – rispetto a quello medio europeo. Alla base di un trend che dura da anni, il "che cosa e il come" si produce
14 settembre 2016
di Fabrizio Barca e Flavia Terribile, www.eticaeconomia.it
Nell’Agenda 2030 dell’Onu la riduzione delle disuguaglianze, causa primaria della crisi del capitalismo, è un obiettivo irrinunciabile dello sviluppo. Importante per l’Italia individuare alcuni indicatori che costituiscano un terreno concreto di confronto
30 agosto 2016
L’economia del Sud ha una sua vitalità, ed è positiva la crescita del Pil sopra la media nazionale, ma va considerato il quadro complessivo e i fattori sociali: resta il divario tra aree del Paese, la povertà aumenta, la popolazione invecchia ed emigra
28 luglio 2016

#tickEnd-tickBegin#