organizzazione internazionale del lavoro
di Fausto Durante
In svolgimento a Istanbul la riunione regionale europea dell’Oil. Per la prima volta nella lunga storia dell'organismo tripartito delle Nazioni Unite, i rappresentanti dei lavoratori non partecipano: troppi i diritti negati dal regime di Erdogan
04 ottobre 2017
Grecia, la metà dei cittadini è a rischio povertà (foto di Sunset Parkerpix, da flickr)
Un rapporto dell'Ilo raccomanda altre misure a sostegno dell'occupazione e delle imprese, più protezione sociale e stop a ulteriori tagli dei salari. I greci a rischio povertà sono raddoppiati in 5 anni, salendo dal 20% nel 2008 al 44% nel 2013
24 novembre 2014
Ilo: ispezioni del lavoro fondamentali
L'Ilo sollecita gli Stati Ue a intensificare gli sforzi per il passaggio dall'economia informale a quella formale, in particolare con azioni di contrasto al lavoro sommerso. L'economia informale assorbe circa la metà della manodopera nel mondo
18 settembre 2014
di Silvana Cappuccio
Ilo, al via la 102ma conferenza internazionale del lavoro (foto da boursenewhaven.com)
Sul tavolo l'emergenza occupazionale a livello globale, il bisogno di assicurare la protezione sociale nel nuovo contesto demografico, lo sviluppo sostenibile, il lavoro dignitoso, i lavori verdi e il dialogo sociale DI SILVANA CAPPUCCIO
05 giugno 2013
(da elpatriotahn.com)
Al via il progetto dell'Organizzazione per contribuire a "ridurre l'insicurezza del lavoro, l'occupazione non registrata e informale, promuovere la protezione sociale e la qualità e quantità del lavoro"
19 marzo 2013
video focus rassegna
La produttività cresce in tutto il mondo, ma i salari non tengono il passo. E' una delle conclusioni del Rapporto dell'Ilo. Fonte: ILOTV
03 gennaio 2013
Cresce la produttività, rallentano i salari
Salari in ribasso continuo nei paesi industrializzati, mentre resistono nelle economie emergenti. Nelle economie sviluppate, negli ultimi 10 anni, la produttività è raddoppiata. "I lavoratori non stanno ricevendo quello che meritano"
07 dicembre 2012
Lavoro forzato, 21 milioni di vittime
Secondo le nuove stime dell’Ilo, tre persone su mille al mondo sono costrette a svolgere un lavoro che è stato loro imposto mediante coercizione o inganno. Di questi, 4,5 milioni (22%) sono vittime di sfruttamento sessuale
01 giugno 2012

#tickEnd-tickBegin#