made in italy
Paoloni al convegno “Il filo del lavoro, analisi e proposte per il tessile e abbigliamento”, in corso a Rimini. “Se il made in Italy vuole continuare a mantenere la sua leadership nel mondo, non può rinunciare alla grande professionalità dei lavoratori"
28 settembre 2018
Filctem, Femca, Uiltec, Confartigianato, Cna Federmoda, Claai e Casartigiani: "La sostenibilità economica della filiera quale valore a garanzia del Made in Italy. Lo sfruttamento della manodopera nel settore deve cessare, è una volontà condivisa da tutti"
26 settembre 2018
Così la Lenticchia di Castelluccio di Norcia Igp resiste nonostante il sisma. Intervista al responsabile della cooperativa Sante Coccia: "Il nostro indotto è importantissimo per la comunità locale, ma siamo ancora quasi completamente isolati"
05 marzo 2018
Condiviso l’impegno a sottoscrivere un protocollo con le parti sociali sulle linee di indirizzo che riguardano il rapporto tra scuola e mondo del lavoro, il consumo consapevole e la tracciabilità dei prodotti
09 febbraio 2018
La denuncia di Flai e Cgil: "In un territorio di eccellenza che crea valore e lo esporta in tutto il mondo esistono sfruttamento, esternalizzazioni, appalti a prezzi stracciati e aziende fittizie con prestanome extracomunitari"
09 marzo 2017
di rassegna.it
Foto tassoman (da Flickr)
Il dibattito "Made in Italy: il lavoro nutre il futuro". Farinetti (Eataly): "Il nostro agroalimentare è grande grazie ai migranti". Sorrentino (Cgil): "Per rilanciare il settore bisogna creare nuovi posti di lavoro e tutelare l'occupazione di qualità"
13 giugno 2015
di Fabrizio Solari*
Serve una nuova politica industriale (foto di Jorge Franganillo da flickr)
È lunga la lista delle aziende storiche rilevate da gruppi esteri in cambio di garanzie per azionisti e manager senza alcun impegno per il paese. Segno di un difetto grave di comprensione da parte del governo DI FABRIZIO SOLARI
27 marzo 2015
Lapidei, recuperati i livelli di produzione pre-crisi - foto c. polidoro (da Flickr)
I dati del centro studi Fillea Cgil relativi ai œprimi 9 mesi del 2014. Cauto ottimismo del sindacato sulla situazione del comparto costituito da circa 20mila imprese e 80mila addetti. Lo Balbo: "Preoccupa l'assenza di ripresa dell'occupazione"
23 gennaio 2015

X «

#tickEnd-tickBegin#