foodora
foodora
Ma si perderebbe la collaborazione coordinata e continuativa, con conseguenze negative anche sotto il profilo della sicurezza e della previdenza. Filcams: "Il confronto continuerà nell'anno nuovo, e questo è un aspetto non scontato e di certo positivo"
11 dicembre 2018
di Emanuele Di Nicola
A Pistoia, nella cattedrale ex Breda, parlano i ciclofattorini di oggi. Ruben: "Lo faccio per guadagnare qualcosa, ma non ho diritti, non è un lavoro vero". Yiftalem: "Se cadiamo dalla bici è colpa nostra. Interveniamo ora o diventerà strutturale"
23 novembre 2018
foodora
Cgil e Cisl: "Il tempo stringe, è adesso che bisogna trovare una soluzione e portare le aziende a una trattativa. I ciclofattorini che hanno subito un trattamento grave e inaccettabile devono essere riassunti alle stesse condizioni"
20 novembre 2018
Lani e Iacona (Nidil Cgil) si rivolgono alle aziende interessate e al governo, con cui è stato aperto un tavolo nazionale: “Vi dovete adoperare affinché Glovo - la nuova proprietà - riassuma tutti questi lavoratori alle stesse condizioni contrattuali”
16 novembre 2018
Dopo l'acquisizione, la multinazionale spagnola ha annunciato che i ciclofattorini non saranno confermati. I sindacati chiedono di incontrare subito l'impresa. Sesena (Filcams): "Vogliamo capire le basi giuridiche della cessione. Il ministero intervenga"
15 novembre 2018
Sono quasi 2 mila i rider che in tutta Italia rischiano di non veder proseguire il proprio rapporto di lavoro. Duecento di questi nella sola Firenze, dove Nidil Cgil lancia la mobilitazione: flash mob nel centro storico venerdì 16 novembre
14 novembre 2018
Un rider nel centro di Roma (foto di Maurizio Minnucci)
A quanto si apprende, l’azienda subentrante non darebbe continuità ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati con quasi 2 mila lavoratori in tutta Italia. Cgil, Cisl e Uil: il tavolo con il ministero passi ai fatti concreti
13 novembre 2018
"Dopo che deliveroo, foodora, jast eat, glovo!, e le maggiori aziende del settore, hanno disertato la firma della Carta di Bologna, si rende necessaria una legge nazionale che regoli il settore"
01 giugno 2018
di Jacopo Formaioni
Con la diffusione delle piattaforme digitali, badare ai bambini è diventato più redditizio e le opportunità si sono ampliate. Ma in altri “lavoretti” della gig economy la situazione è diversa: stress, controlli, poche tutele e paghe basse
18 aprile 2018
Lo prevede il contratto collettivo nazionale della logistica, trasporto merci e spedizione
12 aprile 2018
di Fausto Durante
Mentre in Italia il tribunale di Torino sancisce che i rider di Foodora sono lavoratori autonomi, nel Paese che ha già bloccato Uber un accordo innovativo tra il sindacato dei servizi 3F e una nota piattaforma digitale stabilisce regole e salari dignitosi
12 aprile 2018
Il Tribunale di Torino ha respinto la richiesta di riconoscimento dello stato di lavoratore dipendente ai riders. Il sindacato: “È urgente un tavolo di confronto sulle piattaforme digitali per recepire i contenuti della Carte dei diritti"
12 aprile 2018

X «

#tickEnd-tickBegin#