flessibilità
di Patrizio Di Nicola
Non era l’Italia, secondo una retorica internazionale, il Paese che aveva le maggiori rigidità nel mercato del lavoro? Anche se in molti hanno fatto finta di non accorgersene, la decostruzione delle tutele per gli occupati viene da lontano
02 marzo 2017
di Nicola Giannelli*
L'Europa, l'Italia e le tante facce della flessibilità (foto da business-ethics.com)
Il modello dei nostri governi è il workfare anglosassone: spingere il disoccupato ad accettare qualsiasi occupazione. Si proclamano programmi di aiuto per i precari, ma si mettono in bilancio briciole DI NICOLA GIANNELLI
24 dicembre 2014
di Patrizio Di Nicola
Davide Imola
Era un sindacalista di una competenza estrema, ma altrettanto aperto e interessato alle idee degli altri. Darti fiducia era parte del suo DNA. La sua attività puntava a tutelare i lavoratori flessibili subito DI PATRIZIO DI NICOLA
23 dicembre 2014
di M.M.
I falsi miti del lavoro flessibile (foto da capitalandmain.com)
Secondo un articolo del Sole 24 Ore, negli Stati Uniti il mercato del lavoro fluido «vale 10 milioni di posti». Come a dire, con la riforma del lavoro staremo tutti meglio anche in Italia. Peccato che le cose non stanno così. Ecco perché, M.M.
23 settembre 2014
di rassegna.it
Orario flessibile alla Tenaris, sì dei lavoratori
Ratificata l'ipotesi di accordo: fino a 48 e non meno di 32 ore alla settimana, a seconda del carico e delle commesse in arrivo. I voti favorevoli sono stati 624 (pari al 67 per cento), i contrari 284
02 luglio 2014
Spagna: il fallimento della riforma del lavoro
Due anni fa l'intervento dell'esecutivo Rajoy prometteva occupazione in cambio di flessibilità e licenziamenti facili. I dati però dicono che dalla sua approvazione il numero di disoccupati è cresciuto del 4,6%. Eppure, Ocse e Fmi chiedono di proseguire
12 febbraio 2014
di rassegna.it
Expo: accordo entro settembre o decide il governo
Il ministro del Lavoro Giovannini incontra la parti sociali e affida loro il compito di un'intesa quadro entro metà settembre, altrimenti il Parlamento e l'esecutivo interverranno. Poi indica due direttrici: l'apprendistato breve e gli sgravi contributivi
16 luglio 2013
di Giuseppe Casadio
Sinistra e lavoro, da dove ripartire - foto di ©Roberto Gimmi, da flickr
Cosa intende la sinistra italiana quando enuncia solennemente "il lavoro prima di tutto"? La retorica ideologica del “postindustriale” ha prodotto, anche nel fronte progressista, equivoci da cui bisogna uscire DI GIUSEPPE CASADIO
28 giugno 2013

#tickEnd-tickBegin#