euro
di Joseph Stiglitz
Si riteneva che la moneta unica avrebbe portato prosperità condivisa, favorito l’aumento della solidarietà assieme all’obiettivo dell’integrazione. In realtà, ha fatto esattamente il contrario, rallentando la crescita e seminando discordia
07 settembre 2018
di Marcello Minenna
È davvero il minimo sindacale per tenere in piedi la nostra architettura valutaria. Altrimenti – e lo dice un convinto assertore degli Stati Uniti d’Europa – il rischio è che ci dobbiamo preparare rapidamente a un piano B
30 maggio 2017
di Riccardo Sanna
Se allo scoppio della crisi fossero state fatte altre scelte, oggi le spinte dei nazionalismi sarebbero tanto forti? E se si fossero impiegate le risorse per realizzare investimenti pubblici e non per salvare le banche, come sarebbe lo scenario attuale?
24 marzo 2017
Fausto Durante (Cgil) ai microfoni di RadioArticolo1: "Gli stessi leader politici e i decision maker inglesi non sanno come muoversi. E intanto l'economia Ue sconta l'assurdità di una moneta senza uno Stato e l'ortodossia di vincoli troppo rigidi"
24 ottobre 2016
Barbi (Cgil) a RadioArticolo1: “La situazione sta arrivando a punti critici strutturali: l’unico Paese che continua a trarne benefici è la Germania. Dobbiamo puntare su un'economia espansiva e su una maggiore integrazione politica fra gli Stati"
28 aprile 2016
Durante (Cgil) a RadioArticolo1: "Il tema che Renzi dovrebbe porre a Bruxelles è la ridefinizione dei trattati e la governance dell'economia e della moneta, che acquista un valore sempre più alto: se non lo si affronta, l'Ue rischia la disintegrazione"
04 febbraio 2016
di Stefano Sylos Labini
Moneta fiscale, agire sulla domanda
Una manovra con i Certificati di credito fiscale permetterebbe di rilanciare in tempi brevi l'economia, interessando solo chi paga le tasse in Italia. Se la moneta unica andasse in crisi, i Ccf offrirebbero una via d'uscita DI S. SYLOS LABINI
31 luglio 2015
di Giorgio Rodano* (www.eticaeconomia.it),
Sulla giostra dell’euro: perché scendere non è una buona idea
Senza una forte iniziativa per l’integrazione e la crescita dell’Unione, i singoli paesi hanno pochi margini di manovra. Tuttavia, uscire dalla moneta unica non è conveniente e può destabilizzare l’intera area DI G.RODANO, ETICAECONOMIA.IT
29 luglio 2015
Danilo Barbi, segretario confederale Cgil, a RadioArticolo1: "Ci vuole un'altra Europa, che vada oltre l'attuale politica di austerity e di organizzazione dell'euro: altrimenti le reazioni antieuropee sono destinate ad aumentare"
27 maggio 2015
di Roberto Romano
Crescita e recessione: lineamenti dell’imponderabile (Foto Bernard Rose, da Flickr)
Siamo davvero fuori dalla crisi? Il dibattito odierno sembra propendere per il sì, ma il nodo non è l'uscita dalla crisi "tecnica", quanto da quella "strutturale". E una ripresa basata solo sull'export non può reggere DI ROBERTO ROMANO
16 febbraio 2015
In piazza per la Grecia, 14 febbraio 2015. Foto: Simona Caleo
Si rafforza il fronte di solidarietà e sostegno al governo greco, chiamato a negoziare con la Ue un nuovo piano di salvataggio. Labourstart rilancia l'appello dei sindacati tedeschi: "La Grecia non è una minaccia, ma un'opportunità per l’Europa"
16 febbraio 2015

X «

#tickEnd-tickBegin#