crisi
di Sergio Farris
Dal 15 Settembre 2008, dalla nuova conferma dell'instabilità intrinseca del capitalismo globale, poco è stato fatto all'indirizzo di una seria riforma del sistema economico e finanziario. Relazioni industriali ovunque sbilanciate a sfavore dei lavoratori
18 settembre 2018
La regione è all'ultimo posto tra quelle dell'Italia centrale per reddito medio. Barbaresi (Cgil) a RadioArticolo1: "Scivoliamo sempre più verso Sud". Un lavoratore su cinque è precario e uno su tre ha un contratto part time. In crisi anche il welfare
06 settembre 2018
Fammoni (Fondazione Di Vittorio) a RadioArticolo1: dal 2008 700 milioni di ore in meno, pari a un milione di unità equivalenti a tempo pieno. Tra i dati negativi la crescita del part-time involontario e il basso tasso di occupazione femminile
11 luglio 2018
Sgalla a RadioArticolo1: "Abbiamo definito un documento con Cisl e Uil per lo sviluppo produttivo del territorio, duramente provato da un decennio di crisi, dove abbiamo perso il 16,5% di Pil, 50.000 posti di lavoro e 200 aziende hanno chiuso"
24 maggio 2018
L'economista Riccardo Realfonzo a RadioArticolo1: "Imporre barriere, come fa Trump, può dare respiro nell'immediato. Ma sul medio termine provoca ritorsioni e guerre commerciali, fa entrare in crisi i settori coinvolti, non porta beneficio per il Paese"
06 aprile 2018
Ore lavorate e unità di lavoro crollano rispetto al 2008. È quanto emerge dal rapporto “Lavoro: qualità e sviluppo” della Fondazione Giuseppe Di Vittorio. Negli ultimi 5 anni sono aumentati part-time involontari e assunzioni a tempo determinato
17 marzo 2018
Landini (Cgil) a RadioArticolo1: “Le previsioni di crescita nascondono tante diseguaglianze sia tra i lavoratori, sia tra le singole imprese. La sfida del sindacato è innovarsi, per incidere in un mondo del lavoro che sta cambiando velocemente”
29 gennaio 2018
Gesmundo: "Gli indicatori economici rivelano che crescono Pil, fatturati delle imprese, occupazione. Di contro, aumenta l’area del disagio, del rischio povertà, i giovani continuano a emigrare. Siamo preoccupati per la tenuta sociale nella nostra regione"
08 gennaio 2018
In dieci anni di crisi la produzione è scesa da 47 a 19 milioni di tonnellate. La riorganizzazione ha avuto conseguenze pesantissime sul piano occupazionale. Sindacati: servono interventi urgenti, la nostra ricetta è un mix di innovazione e sostenibilità
06 dicembre 2017
di Riccardo Sanna
Riduzione del perimetro pubblico e compressione dei diritti identificano le riforme raccomandate dall’Europa. E a leggere anche i documenti programmatici del governo italiano, bassi salari e alta disoccupazione non rappresentano priorità da risolvere
13 novembre 2017
Capoluogo e comuni limitrofi hanno perso il 7% di occupati tra il 2008 e il 2016, sono quasi 7mila unità. Solo la fascia appenninica nella regione è andata peggio
10 novembre 2017
di Mirko Lami
Ci sono aziende pronte a investire, ma tanti dati sono ancora allarmanti. Ai 28 tavoli di crisi aperti se ne sono aggiunti altri 9, con oltre 1.500 lavoratori coinvolti. Unico dato positivo: la crescita occupazionale, anche se precaria, è tutta femminile
26 ottobre 2017

X «

#tickEnd-tickBegin#