call center
Riprende la mobilitazione dei lavoratori. Gli addetti in presidio dalle 10 alle 14 nel capoluogo lombardo: obiettivo evitare i trasferimenti a Rende dopo la fine della commessa Eni. Sindacati: "Condotta dell'azienda inaccettabile"
20 ottobre 2017
La Netith, una nuova realtà creata dal gruppo Di Bella di Paternó, ha contattato alcuni ex dipendenti per selezionare un primo gruppo da coinvolgere nella fase di inizio attività. Lo scorso anno erano stati licenziati 600 addetti
19 ottobre 2017
di Roberto Greco
Presidio a Roma, sotto la sede del ministero allo Sviluppo economico. Potetti (Fiom): "A dicembre scadrà la mobilità a 400 addetti che non sono stati ricollocati. L'esecutivo finora è stato assente. I progetti ci sono, manca la volontà politica"
16 ottobre 2017
Quattordicimila lavoratori, settemila con il contratto di settore, gli altri in bilico tra cocopro, partite Iva e forme variegate di lavoro precario
05 ottobre 2017
Solari (Slc) a RadioArticolo1: "Di fronte alle ristrutturazioni, le aziende scelgono sempre di ricorrere a esuberi di personale. È il caso di Sky, Ericsson e di molti call center. Questo dovrebbe far riflettere tutti, soprattutto gli amanti del Jobs Act"
04 ottobre 2017
Cgil Roma e Lazio: la Regione ha stanziato 8 milioni nei primi bandi, ma non basteranno ad accompagnare i 1.300 addetti licenziati nel loro percorso di reinserimento
05 maggio 2017
Intesa importante a Bari. I lavoratori, dal cottimo a 450 euro, passano a 1.200 euro mensili e alle tutele e norme del contratto nazionale tlc. Cgil: "Una svolta epocale dal punto di vista salariale e della messa in sicurezza"
05 maggio 2017
Svolta epocale: i salari passano da 450 euro al mese a 1200
04 maggio 2017

#tickEnd-tickBegin#