atessa
La multinazionale di turbocompressori dismette l'impianto di Atessa (Chieti) e va in Slovacchia, ai 420 dipendenti non viene concessa la cassa integrazione fino a febbraio. Incontro al Mise per cercare una soluzione. Fiom: "Ora serve reindustrializzare"
04 giugno 2018
di Marco Togna
La multinazionale Usa intende trasferirsi in Romania e Slovacchia, chiudendo lo stabilimento di Atessa (Chieti) e licenziando i 420 lavoratori. Dal 18 settembre i dipendenti sono in stop permanente. Fiom: "Stanno già 'clonando' i codici produttivi"
29 settembre 2017

X «

#tickEnd-tickBegin#