Unità d'Italia
di Stefano Iucci
Manca solo qualche mese alla celebrazione del centocinquantesimo anniversario dell'Unità d’Italia. Il grande storico marxista inglese Eric Hobsbawm scrisse nel ‘97 che "il patriottismo è di sinistra", perché la parola "patria" ha un'origine rivoluzionaria
“Io non mi sento italiano” è una delle ultime canzoni scritte da Giorgio Gaber. È una lettera aperta al presidente della Repubblica – all’epoca Carlo Azeglio Ciampi – che ha provato a ridare contenuto e senso ai tanti miti logori del nostro Risorgimento
Ma il paradosso sta nel fatto che la sinistra ha fornito grandi personalità al complesso itinerario di unificazione del paese: Einaudi, Nenni, Pertini, ad esempio
di Giuseppe Casadio
Nella storia della confederazione risiede uno dei profili forti della storia nazionale
Qualche giorno fa, dopo un viaggio in Israele, il ministro Maroni ha annunciato che il decreto Pisanu del 2006 non sarebbe stato prorogato, come regolarmente avviene alla fine di ogni anno...
Va forte il vampirismo in tutte le salse. In varie forme. Per celebrarlo quest’anno è stato vampirizzato accanitamente, appassionatamente, opportunisticamente persino l’assente Federico Fellini come autore della Dolce Vita...
di Raffaele Manica
L’ho conservato perché è un esempio di che cosa possa capitare ai lettori non dico in una libreria-supermercato, ma anche affidandosi a qualche esperta guida...
di Vincenzo Moretti
Rosa, 25 anni, mi scrive da Milano, anche se nell’era della posta elettronica New York o la stanza a fianco per noi pari sono diventate. Mi dice che alla fine un lavoro l’ha trovato...
Al fallimento di una strategia complessiva ha risposto una forte iniziativa dal basso. E così al buco nero dell'industrializzazione fa da parziale contraltare l'innovazione e le energie che vengono dal turismo e dall'enogastronomia d'eccellenza
Sono passati trent’anni ma chi ha visto non può dimenticare. Il dramma dell’Aquila e dell’Abruzzo ha replicato angosce, tormenti, dolori, rabbie
di Christian Raimo
Un paio di settimane fa Fiora, forse per semplice spirito di contraddizione, aveva cercato di convincermi “che il futuro è diverso da come lo vedi tu, non è l’entropia imminente”...

865