di Mario Giovanni Garofalo*
Lo Statuto dei lavoratori ha un valore simbolico ben più forte e più ampio del suo pur importantissimo contenuto normativo. Così è stato prima della sua approvazione, quando fu la bandiera intorno alla quale si radunarono grandi masse di lavoratori
di Tarcisio Tarquini
Parla Umberto Romagnoli. “Fu il frutto di uno scambio tra un governo che aveva bisogno di consenso e un sindacato in grado di governare il conflitto. È una legge ancora vitale, perché ce n’era bisogno quando fu approvata e ce ne è bisogno anche oggi”
di Giorgio Ghezzi
Ripubblichiamo, come omaggio a un grande giurista e a una persona splendida, l’intervento che Giorgio Ghezzi scrisse per un fascicolo diffuso dalla Cgil alla vigilia della manifestazione del 23 marzo 2002
  • Autunno 1969. I metalmeccanici danno vita a una delle vertenze contrattuali più importanti della loro storia. Fiom, Fim e Uilm affidano a Ugo Gregoretti la realizzazione di un documentario sulla vertenza
Intervista all'ex segretario Cgil: l'attacco ai diritti e le discriminazioni degli anni Cinquanta, la mobilitazione dei Sessanta, la svolta dell'approvazione dello Statuto. “Nell'autunno '69 la Costituzione entrò in fabbrica sulle spalle dei lavoratori”
di Enrico Galantini
“Il vecchio segretario era scettico su un’unità sindacale portata avanti sull’onda dell’entusiasmo ma senza basi solide”
L’aula di Montecitorio approva il disegno di legge con 259 sì, 214 no e 35 astenuti. C’è anche un emendamento del Pd per limitare l’arbitrato, ma restano le critiche dell'opposizione. Ora il testo passa al Senato
Il sindacato in presidio alla Camera. Governo sotto su emendamento Pd. Per la Cgil non bastano le modifiche: se diventerà legge, sosterrà i lavoratori con ricorsi alla Corte Costituzionale. Pantaleo (Flc): non si esclude lo sciopero generale
di Paolo Andruccioli
Nel convegno organizzato a Roma dalla Cgil, tutti gli esperti del settore sono d'accordo: la giustizia del lavoro è in crisi, il vero obiettivo del governo è deregolamentare i diritti. In futuro gli addetti saranno più esposti al potere delle aziende
Una tavola rotonda sul 'collegato' lavoro al congresso Filcams. Il costituzionalista Vittorio Angiolini: “Il ddl violerebbe diversi articoli della Carta”. Camusso: “Occorre mobilitarsi”
Aveva 82 anni. Giurista, nel 1969 ebbe l'incarico di scrivere il testo che ha rivoluzionato il diritto del lavoro italiano. Napolitano: "Uno studioso di altissimo livello, riconosciuto ispiratore di una moderna scuola di diritto del lavoro"
È un flash della memoria, il chiarore dello schermo, il telegiornale ancora in bianco e nero che mostra l’immagine, mio zio, un poliziotto siciliano sempre accigliato, che mormora con l’intenzione di farsi sentire “a che punto siamo arrivati!”...
La capacità di dialogo delle federazioni e i successi ottenuti su pensioni e gabbie salariali inducono a vedere nella contrattazione lo strumenti di cambiamento più efficace. E per la prima volta i sindacati si sganciano dai partiti
Giacomo Brodolini - foto Archivio Cgil
Le foto del padre dello Statuto dei lavoratori. Fu vice segretario di Di Vittorio in Cgil.

1968-69. Le lotte dei lavoratori di quarant'anni fa. Una stagione storica che diede dignità al lavoro subordinato
1968-69. Le lotte dei lavoratori di quarant'anni fa. Una stagione storica che diede dignità al lavoro subordinato

878