Barack Obama, presidente
di Davide Orecchio
Dal crac di Wall Street al terrore dei risparmiatori, dalla crisi dell'economia reale e del sistema sanitario ai nodi scorsoi della politica internazionale: Obama è atteso da compiti durissimi. Ma una cosa è certa: governerà meglio di Bush

» I risultati   » Foto: i festeggiamenti
» Stato dopo stato, cronaca della vittoria
» Il discorso a Chicago: "Il cambiamento è arrivato" 
» VIDEO  » FOTO DAI SITI ESTERI

Barack Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti. L'ultimo aggiornamento: 364 voti elettorali per Obama, 162 per John McCain. Il quorum per essere eletto alla Casa Bianca è di 270
di Alessandro Coppola
La lunga notte elettorale inizia con pochi dati e soprattutto incerti, che arrivano dall'Indiana e dal Kentucky. Ma molto presto già alle nove e mezza la situazione diventa più chiara e la mappa inizia a colorarsi di blu. A partire dalla Pennsylvania
A che punto è l'Europa? Cosa ci si può aspettare dal Vecchio Continente in una situazione di crisi economica globale e dopo l'elezione di Obama? Intervista a Lucio Caracciolo
Il presidente designato intende concentrarsi subito sulle questioni economiche. L'idea è di un primo intervento di cento miliardi di dollari che dovrebbe includere un aumento delle indennità di disoccupazione e delle tessere alimentari. Bush firmerà?
di Frank Barretti
A chiederselo non è un pretino della contestazione ma il vice presidente dei vescovi americani, nero anche lui: fu Giovanni XXIII a "far entrare aria nuova nelle sacre stanze". Poi vennero gli altri e "ora siamo pronti". L'impatto di Obama in Vaticano
L'avvertimento del New York Times: da qui al 20 gennaio George W. ha intenzione di fare altri danni. Libertà civili, ambiente e aborto nel mirino. Intanto il democratico lavora alla squadra di governo
di Ornella Cilona
Se la finanza d'oltreoceano piange, la manifattura non ride. Distrutti 5,6 milioni di posti nel 2007. Auto e tessile i settori più colpiti
Il primo a congratularsi con il prossimo inquilino della Casa Bianca è stato il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Berlusconi: l'amicizia con gli Stati Uniti si rafforzerà. Epifani: finisce l'era del reaganismo, è una svolta storica per il mondo
E' mezzanotte quando Obama sale sul palco di Chicago assieme alla sua famiglia. Sorride con la sua faccia tranquilla di sempre di fronte alla folla sterminata. Bacia sua moglie e abbraccia le sue figlie...
La maratona elettorale. I primi voti nel Vermont, gli ultimi alle Hawaii. I sondaggi, anche quelli di Rove, dicono Obama. Un voto il senatore democratico ce l'ha già: quello di sua nonna, che prima di morire ha spedito via posta la sua scheda
Questo il numero di elettori che i due candidati provano a convincere. La partita degli stati-battaglia. Tutti i sondaggi danno in testa il democratico
di Davide Orecchio e Martina Toti
Pillole dai media esteri: la prossima settimana si saprà il nome del 44mo presidente degli Stati Uniti. Barack cerca il voto degli immigrati latini. Intanto incamera il sostegno di Economist e Financial Times (ma quello dei latinos è molto più importante)
L'Unità titola "4.11.2008 Nuovo Mondo", con una grande foto della Terra vista dalla Luna. E anche per La Repubblica "Il mondo è cambiato"

da flickr - foto di wileymcb
I festeggiamenti negli Stati Uniti dopo la vittoria del candidato democratico nella corsa allla Casa Bianca (foto tratte da flickr)

I siti d'informazione aprono con Obama, all'alba italiana del 5 novembre 2008. Il senatore afroamericano è stato eletto presidente degli Stati Uniti

772