Diario Terziario del 22/12/2016 - page 1

Diario
terziario
T U R I S M O
C O M M E R C I O
S E R V I Z I
DICEMBRE
L’
assenza di un
Contratto Anno
bisesto anno
funesto, dice un
detto popolare. Il 2016 che
anno è stato per le
lavoratrici e i lavoratori
della Filcams Cgil?
Per utilizzare una locuzione
forse un po’ abusata quando
si fanno i bilanci di fine
anno posso definire il 2016
un anno intenso.
È stato un anno che ha visto
instabilità e incertezze sul
fronte del lavoro: ancora
troppe le crisi aziendali, la
messa in discussione del
posto di lavoro, gli abusi da
contrastare, le forme di
precarietà e di sfruttamento.
Le nostre battaglie
quotidiane sono state rivolte
a difendere la continuità del
lavoro in un cambio appalto,
a contrastare la disdetta di
un contratto integrativo, a
difendere e ricercare
soluzioni per mantenere
l’occupazione difronte ad un
esubero o una
terziarizzazione dell’attività.
E potremmo continuare con
tante piccole e grandi
vertenze che hanno coinvolto
la vita di tante persone,
giovani e meno giovani.
Un’azione che dobbiamo
considerare sicuramente di
difesa ma senza mai perdere
il filo delle nostre più
generali rivendicazioni e
degli obiettivi della filcams:
sperimentare nuove
soluzioni, includere chi
ancora oggi è escluso da una
rete di protezione di diritti e
tutele, migliorare le
condizioni di lavoro.
È stato un 2016 concentrato
anche sui Contratti
Nazionali, con alcuni
importanti risultati per i
lavoratori raggiunti con
l’accordo del Terziario di
[
18 DICEMBRE, LA GIORNATA INTERNAZIONALE
]
In campo per i
lavoratorimigranti
N
el 1972 un terribile
incidente sotto il tunnel del
Monte Bianco fece scoprire
un traffico illegale di migranti.
Ventotto lavoratori africani
provenienti dal Mali erano nascosti
in un camion per cercare di arrivare
in Francia alla ricerca di migliori
condizioni di vita. Nessuno di loro,
però, uscì vivo. Dopo quella
tragedia, il Consiglio economico e
sociale delle Nazioni Unite (Ecosoc)
adottò una risoluzione nella
quale chiese alla Commissione sui
diritti umani di affrontare il
problema dei lavoratori migranti.
Per questo, qualche anno dopo –
nel 1979 – l’Assemblea Generale
istituì un gruppo di lavoro per
redigere una Convenzione per la
protezione dei lavoratori migranti e
delle loro famiglie
KuroshDanesh (Cgil):
“I lavoratori stranieri fanno
l’11%del Pil, alcuni settori
rischierebbero di fermarsi
senza il loro contributo”
di
R
OBERTA
M
ANIERI
SEGUE
APAG.2
SEGUE
APAG.2
2017:
INSIEME
PER
DIFENDERE
LA
CONTINUITA’
DEL
LAVORO
Le nostre battaglie
quotidiane sono
state rivolte a
sperimentare
nuove soluzioni,
includere chi
ancora oggi è
escluso da una rete
di protezione
di diritti e tutele,
migliorare
le condizioni
di lavoro.
di
R
OBERTA
M
ANIERI
[
INTERVISTA A MARIA GRAZIA GABRIELLI
]
1 2,3,4,5
Powered by FlippingBook