• Print Friendly and PDF
Si è conclusa negativamente la procedura di mobilità per 109 lavoratori delle aziende edili del gruppo Aiello confiscate alla mafia. Per la Fillea Cgil, che impugnerà i licenziamenti, rischia di aprirsi "una voragine" per la credibilità dello Stato