• Print Friendly and PDF
Braccia incrociate e presidio davanti al Tubificio per chiedere garanzie sul destino dello stabilimento e in particolare degli addetti degli appalti. Fiom: “Ora il governo convochi Thyssen e chieda una volta per tutte quali sono i progetti per Terni"
X «