• Print Friendly and PDF
La legge di riforma è “un atto di civiltà che non può essere ulteriormente rimandato”. Lo ricorda la Cgil di Genova: “Un milione di ragazzi nati in Italia attendono il riconoscimento, non si può aspettare solo per compiacere populisti e xenofobi”