Rubriche

Bruno Trentin
Il piano del lavoro Ogni giorno in diretta con il lavoro tablet 2087

Multimedia

Speciali



Angem, alta adesione sciopero dipendenti mense

   Print  

Al grido di 'contratto subito' un corteo vivace e numeroso ha sfilato per le vie di Milano fino a piazza Fontana, dove Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno tenuto un comizio conclusivo per spiegare le ragioni dell'agitazione

Le organizzazioni sindacali avevano proclamato per oggi, 3 giugno, lo sciopero del settore della ristorazione collettiva per i dipendenti delle imprese associate ad Angem (associazione datoriale che rappresenta le maggiori aziende del settore, tra cui Elior Ristorazione, Copra Elior, Gemeaz Elior, Compass, Dussmann Service, Sodexo Italia, Pedevilla ed altre) che nel novembre 2012 aveva dato formale disdetta dell’applicazione del contratto nazionale del turismo, per effetto dell’uscita da Fipe Confcommercio.

Nonostante la disponibilità dei sindacati, poi, alla definizione di un nuovo contratto più rispondente alle mutate esigenze del settore, nell’ultimo incontro, Angem aveva comunicato l’avvenuta sottoscrizione con altra organizzazione sindacale che non stipula il ccnl di settore, di un protocollo peggiorativo che troverà immediata applicazione, nonostante l’assenza della sigla di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. Alta l’adesione allo sciopero odierno su tutto il territorio nazionale: tra l’80 e il 90% in tutte le province della Lombardia, così come nel Lazio, Toscana, Liguria, Veneto, Piemonte (negli ospedali garantiti i servizi per i degenti, ma chiusi bar e mense per i dipendenti) e in Emilia Romagna, dove a Bologna nella sede territoriale di Elior si è raggiunto l’adesione del 100%.

In Puglia, in tutte le province sono stati organizzati dei presidi unitari davanti le prefetture, mentre in Campania l’adesione allo sciopero è stata tra il 65 ed il 70%, con punte del 100% e in Sardegna a Cagliari, nella società Gemeaz Elio adesione totale, e al 50% negli appalti scuole della Sodexo.

L’alta adesione”, affermano i sindacati, “conferma l’insofferenza dei dipendenti delle mense Angem, stanchi di subire scelte aziendali drastiche e unilaterali. Mense scolastiche, ospedaliere o centri di assistenza, mense private, aziendali, i servizi svolti sono davvero strategici e di fondamentale importanza per il buon funzionamento di strutture sociali; non si può continuare a far ricadere sulle spalle dei lavoratori le difficoltà legate alla crisi economica del settore.

Angem non può ora continuare ad evitare un costruttivo confronto con Filcams, Fisascat e Uiltucs, riconoscendo il ruolo delle organizzazioni sindacali più rappresentative: “Confermiamo la nostra disponibilità ad individuare un impianto contrattuale che risponda alle attuali esigenze del settore, ma vogliamo che la controparte ascolti anche le necessità dei dipendenti, riconoscendo loro diritti e la giusta dignità lavorativa".



Vuoi riprodurre questo articolo? Leggi qui le condizioni.


TAGS turismo ccnl angem uiltucs fisascat filcams ristorazione collettiva

03/06/2013 17:56

(ricerca avanzata)

Cerca su Rassegna.it con Google

  • bookmarks

  • segnala




Antispam: inserisci il risulato della somma.


  • dalla home page

  • tags

#25ottobrevadoaRomaper

video di Daniel_Taddei

#LaGiustaCausa Andrea, studente

video di Daniel_Taddei

Con chi sta la Politica?

articolo di Artibani

Tutti i contenuti della community

Pubblica i tuoi contenuti su Rassegna.it